Il tracciamento dei finanziamenti

Gli importi del programma unitario per lo sviluppo – che si compone dei fondi Restart e dei fondi derivanti dalla Delibera Cipe 135/2012 – devono essere letti secondo diversi stadi: la dotazione, ossia il finanziamento stanziato dalle su citate leggi; l’approvazione degli interventi proposti, così come deciso attraverso le Delibere Cipe; le assegnazioni, ossia quante risorse sono state assegnate, per annualità, alle proposte pervenute; i trasferimenti, vale a dire gli importi effettivamente trasferiti all’amministrazione proponente ai fini della realizzazione del progetto, e infine la spesa, il denaro effettivamente speso per il progetto, risultante dalle schede di monitoraggio trasmesse con cadenza bimestrale dalle amministrazioni titolari degli interventi proposti, approvati e finanziati.

100 milioni di euro finanziati dalla Delibera Cipe 135/2012 sono stati totalmente approvati e assegnati. Di questi al 22 maggio 2019 (data di presentazione dell’ultima relazione disponibile sullo stato di avanzamento del programma “Restart” da parte del comitato di indirizzo della Struttura di missione in capo alla presidenza del Consiglio dei ministri) risultavano trasferiti 49,7 milioni, di cui 40,9 spesi.

Diverso il discorso per i circa 219,6 milioni frutto del programma Restart: al 15 settembre 2020 ne sono stati assegnati circa 146,8 milioni. Di questi, al 22 maggio 2019 ne erano stati trasferiti 28,3 milioni, di cui circa 7,8 milioni spesi.

Al settembre 2020, il totale delle risorse ancora disponibili per nuovi progetti è circa 72,8 milioni di euro.

A questa somma saranno probabilmente aggiunti altri fondi, pari al 4% del nuovo stanziamento (2,75 miliardi di euro) per la ricostruzione dei comuni colpiti dal sisma 2009 annunciato dal presidente del consiglio Giuseppe Conte nell’autunno 2020. Si tratta di una cifra stimata in circa 110 milioni di euro.

Lo stato di avanzamento dei flussi finanziari

Gli step di avanzamento del programma unitario per lo sviluppo

Stato di avanzamentoImporti
Stanziati319,7
Approvati246,8
Trasferiti78,0
Spesi48,8
Disponibili72,8

Gli importi relativi ai fondi approvati e assegnati sono aggiornati al 15 settembre 2020, data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’ultima Delibera Cipe che provvede alle assegnazioni. Gli importi relativi ai fondi trasferiti e spesi sono aggiornati al 22 maggio 2019, data di presentazione dell’ultima relazione disponibile sullo stato di avanzamento del programma da parte del comitato di indirizzo. La Struttura di missione Sisma 2009 pubblica esclusivamente il monitoraggio dei fondi approvati e assegnati. Gli importi del programma unitario per lo sviluppo sono la somma degli importi previsti dalle Delibere Cipe 135/2012 e 49/2016.

FONTE: Struttura tecnica di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Gazzetta Ufficiale
(ultimo aggiornamento: 20200915)

foto unsplash.com

Articoli correlati

Restart: 72,8 milioni di euro sono ancora disponibili per nuovi progetti

Quasi 220 milioni di euro stanziati dallo Stato, di cui più di 70 ancora disponibili. Questo è uno degli elementi più importanti emersi dall’analisi di Open Data L’Aquila sui cosiddetti fondi “Restart”. Con questo nome si intende un programma per lo sviluppo socio-economico del territorio colpito dal sisma del 2009, lanciato negli anni scorsi dalla…

I 100 milioni della Delibera Cipe 135/2012

La delibera Cipe 135/2012 destina circa 2,2 miliardi di euro alla ricostruzione del cratere colpito dal terremoto nel 2009, di cui 100 milioni dedicati al sostegno delle attività produttive e della ricerca.  Di questi, 55 milioni sono stati destinati al sistema industriale, in particolare ai settori farmaceutico, aerospaziale, telecomunicazioni, avionica e tecnologie per la sicurezza. La competenza di…

Da dove arrivano i finanziamenti

La delibera Cipe 135/2012 destina circa 2,2 miliardi di euro alla ricostruzione post-sisma, di cui 100 milioni dedicati al sostegno delle attività produttive e della ricerca. Due provvedimenti legislativi, il Decreto legge 43/2013 e la Legge 125/2015, stabiliscono che, nell’ambito dei finanziamenti destinati alla ricostruzione dei territori colpiti dal sisma del 2009, una quota fino ad un valore massimo del 4% venga destinata…